Archivi tag: masso delle fanciulle

Puliamo il Mondo al Masso delle Fanciulle. Sabato 24 settembre 2016

puliamoilmondo2016
a cura di Legambiente Valdera e Comitato Difensori della Toscana

ecco una bella idea per trascorrere una simpatica mattinata in piacevole compagnia al Masso delle Fanciulle:
SABATO 24 SETTEMBRE 2016 – PULIAMO IL MONDO AL MASSO DELLE FANCIULLE
“Clean Up the World” è un’iniziativa ambientale in cui i volontari di tutto il mondo ripuliscono, valorizzano e conservano i propri territori.

Mappa con istruzioni per arrivare al Masso delle Fanciulle:
https://www.google.com/maps/d/viewer?mid=17wK7ZshzggD2X0AosQJxTJIyPmA&hl=en_US

Raccomandiamo di portare pranzo al sacco e una buona scorta di acqua; verranno forniti guanti, sacchi e cappellini per la pulizia dei luoghi.
Saranno distribuiti sacchi di colori diversi per la raccolta differenziata di multi materiale (plastica, vetro, ecc. ) e restanti rifiuti.
Consigliato abbigliamento robusto, evitare pantaloni corti e magliette per presenza di rovi, rami,ecc. Consigliamo inoltre di indossare scarpe con adeguata tenuta o scarponi da trekking.
L’iniziativa è gratuita.

PROGRAMMA:
Ore 9,30 arrivo al parcheggio prima del fiume Cecina. Registrazione dei partecipanti e distribuzione dei sacchi, cappellini e guanti.
Ore 9,45 – 10,15 spostamento a piedi verso il Masso e pulitura del sentiero
Ore 10,30 arrivo al Masso e foto di gruppo; appello per la tutela del Masso dai progetti di realizzazione di pozzi per la produzione di energia geotermica. Colazione e pulitura delle sponde fino al Masso degli Specchi.
Ore 12 raccolta dei sacchi e trasporto fino al punto di raccolta di Puretta.
Ore 12,30 rientro alle auto.

Informiamo che per dare il giusto risalto all’evento sono stati invitati alcuni giornalisti e potrebbe essere presente una troupe del TGR.
Chi vuole potrà restare il pomeriggio e godersi il sole e magari fare un bagno nelle acque del Cecina.
In caso di pioggia l’iniziativa è posticipata a sabato 1 ottobre con lo stesso programma.
Per info:
https://www.facebook.com/votasiperfermareilnucleareValdera/
https://www.facebook.com/events/1739721252944145/
Carlo 338-6716062; Cristina 334-6009333 (Legambiente Valdera)
Giovanna 339-1272195 (Difensori della Toscana)

Grazie a tutti coloro che vorranno partecipare.

 

Masso delle Fanciulle e geotermia, per la Regione Toscana il paesaggio non conta

Cronache del paesaggio. Una futura enclave industriale ucraina in terra toscana. Il parere della Soprintendenza e la risposta della Regione riguardo alla difesa del paesaggio.

la lettera della Soprintendenza:

dalla SOPRINTENDENZA BELLE ARTI E PAESAGGIO PER LE PROVINCE DI PISA E LIVORNO     23 FEB 2016 

Oggetto: CASTELNUOVO Dl VAL DI CECINA (H) POMARANCE (PI) – VOLTERRA (P1) Richiedente :- Soc. Gesto Italia srl opere: – Progetto per realizzazione di pozzi esplorativi nel permesso di ricerca di risorse geotermiche “Mazzolla” – Rinvio Conferenza dei Servizi del 04-02-2016 al 26-02-2016  D.Lgs. 42/2004 Parte III ns fasc, n. 95-2016,

A riscontro della Vs. nota n. pec del 02-02-2016 recante la convocazione per la Conferenza dei Servizi in oggetto alla quale questa Soprintendenza non potrà partecipare, per quanto di competenza, esprime il seguente parere.

Preso atto che la documentazione di riferimento per le necessarie valutazioni di compatibilità paesaggistica non risulta variata rispetto a quanto pervenuto in data 02-04-2014 con prot. n. 4536 e in data 29-09-2014 con prot. 11629, questa’ Soprintendenza, alla luce delle direttive e prescrizioni del PIT in vigore dal 27-03-2015 che tutelano le aree ed elementi di valore paesaggistico-ambientale in tutto il territorio d’ambito dei nuclei storici di Volterra, Pomarance e Valle del Cecina, si comunica quanto segue.

La perforazione ai fini della ricerca è finalizzata all’espansione di coltivazioni in aree che rappresentano riferimenti visuali di grande valore paesaggistico e punti di vista privilegiati sulla Valle del Cecina e le zone collinari Circostanti i nuclei storici, anche minori, negli ambiti comunali di Volterra e Pomarance ancora indenni. Non è infatti scindibile l’attività esplorativa dall’eventuale successivo processo di sfruttamento, in caso di esito positivo della ricerca. Per quanto sopra questa Soprintendenza non può che confermare il proprio Parere  Contrario  , come già comunicato con note prot. n. 7511 del 12-06-2014 e prot n. 12114 del 10-10-2014.

Il Funzionario Arch. Riccardo Lorenzi                Il Soprintendente Andrea Muzzi  

La risposta della Regione (vedi pag. 29 Allegato A Conferenza Interna ):

PRESO ATTO CHE

il parere della Soprintendenza per i beni architettonici, paesaggistici, storici, artistici ed etnoantropologici di Pisa e Livorno:

– non mette in evidenza gli elementi di valore paesaggistico dell’area in cui è prevista la realizzazione dell’intervento e, soprattutto, non indica gli eventuali, potenziali impatti negativi che le opere in oggetto determinerebbero sugli stessi;
– non fornisce alcuna indicazione utile a superare eventualmente il parere negativo espresso;
– nell’affermare che Realizzazioni, anche a carattere temporaneo, di piattaforme di ricerca sono infatti da consentite solo in continuità con aree già destinate a usi geotermici , impone un limite alla ricerca e, di conseguenza, al potenziale sviluppo della produzione di energia da fonti rinnovabili in contrasto con la giurisprudenza ormai consolidata; anche la Corte Costituzionale ha affermato il principio secondo cui sono da censurare ampie e tassative fattispecie di divieto riferite agli impianti da rinnovabili, con il risultato di ostacolarne anziché favorirne la diffusione;
– il parere è riferito alla realizzazione di “piattaforme di ricerca” che, dall’approfondimento istruttorio
condotto anche da questa Conferenza, risultano esterne ad aree soggette a vincolo;

Le nostre considerazioni. Se 700 persone hanno firmato su carta e 4600 hanno firmato online la petizione per difendere il paesaggio che circonda il Masso delle Fanciulle ci chiediamo: come è possibile affermare che non sono evidenti gli elementi di valore paesaggistico dell’area? Tanto valeva che qualcuno scrivesse direttamente:
Abbasso il paesaggio toscano! Chissenefrega dei cittadini! Viva gli Ucraini! Viva le trivellazioni!

Pomarance, Toscana, Pianeta Terra, anno 2016