No alle trivelle nelle valli intatte. Musica, meli e passeggiate: la risposta dei cittadini alla Magma

clicca sulla foto per vedere il video dei Bandao a Casole

clicca sulla foto per vedere il video dei Bandao a Casole

I ritmi incalzanti dei Bandao hanno fatto vibrare i cuori delle numerose persone che sono accorse a Casole d’Elsa a sostegno degli ambientalisti aderenti al Comitato Difensori della Toscana che da tempo sono impegnati nella tutela del proprio territorio. Un’area di alto valore naturalistico e paesaggistico rischia di essere compromessa dalla costruzione di impianti di geotermia industriale. Una camminata di sei chilometri per giungere in località Podere Love, nel campo dove Magma Energy Italia vorrebbe costruire un pozzo geognostico in previsione di insediamenti di nuove centrali geotermiche. Non avendo ottenuto il consenso da parte del proprietario del terreno, la ditta ha chiesto ed ottenuto dalla Regione l’occupazione coatta dell’area.
E’ veramente difficile immaginare la presenza di trivelle e centrali in una vallata così verde e silenziosa, così come è difficile pensare che i cittadini siano disposti a sacrificare una tale ricchezza tramandata da generazioni.
Già a novembre i cittadini di Casole hanno espresso contrarietà al progetto geotermico. Con un referendum comunale oltre il 93% dei votanti ha dichiarato di essere contrario alla sviluppo della geotermia industriale sul proprio territorio. La partecipazione che si è vista durante questa iniziativa è stata per l’ennesima volta testimonianza della volontà di difesa di questo territorio in cui i cittadini hanno investito con successo sul turismo e sull’agricoltura di qualità
All’arrivo vino, buon cibo e una seconda vivace esibizione dei generosi Bandao che hanno creato atmosfera di vera festa.
Anche in questa occasione, come già avvenuto durante la camminata al Podere Tesoro di Radicondoli, un albero di mele è stato piantato nel punto dove gli industriali della geotermia hanno progettato di mettere una trivella. La “ mela casulana” era nota anche al Boccaccio che nel 1350 la citava nel Decamerone.
Tante persone in marcia verso il Berignone unite dalla speranza di poter raccogliere negli anni futuri i frutti di questo forte e promettente albero.
Il prossimo appuntamento sarà intorno a Pignano (Volterra), dove è prevista la terza escavazione.

Nota del Presidente del Comitato:

GRAZIE BANDAO
Domenica scorsa abbiamo passato una bella giornata, grazie anche alla travolgente allegria del gruppo musicale i Bandao, organizzando una camminata fino al Podere Love in Berignone, dove abbiamo piantato un melo, nel punto esatto dove Graziella, Boco e Batini vorrebbero costruire un pozzo geognostico.
Dedichiamo questa nostra gioia, prima di tutto al paese, perché impari a difendere le bellezze del suo territorio dalla ingordigia dei tanti speculatori che, dietro il luccicare delle solite monetine, ti portano via l’anima.
In secondo luogo, la dedichiamo all’amm.ne comunale, affinché metta al primo punto trasparenza e informazione. I cittadini, a nostro avviso, sanno ancora poco e purtroppo a volte in ritardo.
E in ultimo è dedicata a noi, Comitato Difensori della Toscana, perché non perdiamo mai l’entusiasmo per le nostre battaglie, sempre dedicate al bene superiore della nostra Comunità.

Per il Comitato: Giovanni Menchetti

Advertisements

2 pensieri su “No alle trivelle nelle valli intatte. Musica, meli e passeggiate: la risposta dei cittadini alla Magma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...